++[Live/Tv] Inter - Parma in diretta streaming Coppa Italia live on 10 Jan 2023

Inter-Parma: le probabili formazioni di Coppa Italia | La Diretta

🔴DIRETTA📺📱👉 Inter - Parma DIRETTA

🔴COPA-ITALIA📺📱👉 Inter - Parma DIRETTA

Calcio d'inizio alle ore 21. Inzaghi darà una chance al Tucu, mentre Lukaku e Handanovic non sono tra i convocati. Fondamentale per Pecchia il recupero di Buffon

Col Parma c’è Correa dal 1’: l’argentino in Coppa Italia per riprendersi l’Inter
Stasera il Tucu sarà titolare dopo più di due mesi. L’ultima volta fu a Monaco di Baviera il 1° novembre. Out Lukaku, l’argentino vuole sfruttare l’occasione

Contro il Parma, in Coppa Italia, Joaquin Correa indosserà nuovamente una maglia da titolare che gli manca dalla poco significativa trasferta a Monaco di Baviera del 1° novembre.

Da allora il Tucu è stato a guardare i compagni (come sabato a Monza) oppure è entrato nel finale (come mercoledì nella vittoria a San Siro contro il Napoli). Il 2023, per l’ex laziale, è iniziato esattamente come si era concluso il 2022 ovvero con un sapore amaro. Dall’autunno in poi non è mai stato al top della condizione complice un’infiammazione al tendine rotuleo del ginocchio, frutto di un colpo ricevuto in Inter-Barcellona del 4 ottobre.

Quella notte i tifosi nerazzurri festeggiarono la fine della crisi e un successo poi rivelatosi cruciale per il passaggio agli ottavi di Champions. Correa invece da lì in poi ha avuto solo problemi: è stato in infermeria un paio di incontri (out nelle trasferte di Reggio Emilia e Barcellona), ma poi è rientrato. Anche se non era affatto al 100%. E per la sua generosità e il suo attaccamento alla causa, ha pagato un prezzo molto salato.

Con Lukaku che non era pronto e sarebbe rientrato appena per tre giorni (dal 26 al 29 ottobre: 2 spezzoni contro il Viktoria Plzen e la Sampdoria), Joaquin ha stretto i denti ed è andato in campo combattendo contro il fastidio che aveva perché là davanti a Inzaghi erano rimasti solo Dzeko e Lautaro.

Ha servito l’assist per il gol di Big Rom in Champions contro i boemi, si è esibito in una spettacolare rete (quella del 3-0) contro la Samp, ma poi il dolore lo ha di nuovo frenato. Sia in allenamento sia in partita. Avesse pensato solo a se stesso e al Mondiale, si sarebbe gestito e invece ha messo al primo posto l’Inter. Così in settimana ha lavorato con i compagni (stando attendo a non “caricare” troppo) e durante le gare ufficiali è andato in campo, spesso entrando dalla panchina. Sono stati minuti utili a dare respiro al bosniaco e all’argentino, anche se lui certo non poteva rendere al massimo.

Se la doppia infiammazione ai tendini d’Achille che lo ha messo k.o. nell’ultima amichevole della Seleccion, quella vinta il 16 novembre contro gli Emirati Arabi Uniti (lui ha segnato il 5-0 finale partendo dalla panchina), sarebbe venuta fuori anche riposando in infermeria nelle settimane precedenti, non è possibile saperlo. Di certo, viste le sue condizioni, Scaloni lo ha dovuto escludere dalla lista dei 26 e in Qatar è andato, come spettatore, solo per festeggiare il giorno della finale vinta contro la Francia ai rigori. Nella sua mente il 18 dicembre doveva andare diversamente e il suo posto voleva che fosse in campo, non in tribuna.

RIPRESA E RISCATTO— Durante le vacanze in patria, Correa si è riposato e curato, così l’infiammazione è sparita. Al rientro alla Pinetina ha fatto terapie e si è allenato a parte qualche giorno, ma poi è rientrato in gruppo. Adesso i dolori del passato non ci sono più e spera che da stasera inizi una nuova stagione. Non ha rimorsi e, da professionista qual è, sente di aver fatto la cosa giusta sacrificandosi per l’Inter e per Inzaghi, l’allenatore che lo ha fortemente voluto con lui ad Appiano nell’estate 2021.

Il Tucu chiede solo un aiuto alla buona sorte: niente di particolare, solo di star bene. Il leggero fastidio che ha messo k.o. Lukaku gli regalerà una maglia da titolare e lui intende sfruttare l’occasione. Non importante se si giocherà contro il Parma, una formazione di Serie B e se il match sarà valido “solo” per gli ottavi di Coppa Italia. Per lui sarà una partita nella quale cercare a ogni costo di lanciare un messaggio.

RESTARE— Le voci di mercato che a gennaio lo vogliono (in prestito) via dall’Inter non gli interessano perché sa che il club non lo farà partire senza un’offerta per l’acquisto del cartellino. E quest’ultima non arriverà perché, dopo l’obbligo di riscatto scattato lo scorso febbraio, l’operazione Correa era a bilancio per 33,3 milioni. Il Tucu, dunque, sogna una ripartenza come il connazionale Nico Gonzalez, anche lui escluso dai convocati dall’Argentina all’ultimo tuffo, ma venerdì decisivo su calcio di rigore per la vittoria contro il Sassuolo. Stasera avrà la sua opportunità e non intende sprecarla come successo in passato. Non sempre (o non solo) per colpa sua.

WHEN
March 01, 2020 at 2:00am - 5am
WHERE
51 Meadowview Drive Buckner, VA 23024
51 Meadowview Drive Buckner VA 23024
Meadowview Drive Buckner, VA 23024
United States
Google map and directions
CONTACT
Shamim Bara · · 1540-872-6731

Will you come?